venerdì, Febbraio 23, 2024
Europei Pallanuoto Spalato 2022PallanuotoSETTEBELLO

Poker Settebello; la Francia cade sotto i colpi della banda azzurra.

Cala il poker di vittorie consecutive il Settebello di Sandro Campagna. A farne le spese la nazionale francese che, per quasi due parziali si illude di poter fare lo sgambetto, dopo la Serbia, ad un’altra big della pallanuoto. Gli azzurri battono meritatamente la vera sorpresa di questo Europeo croato, la Francia della coppia di tecnici Bruzzo – Kobescak, nonostante qualche sofferenza iniziale. A togliere le “castagne” dal fuoco ci ha pensato bomber Di Fulvio che con il suo poker di reti ha scosso i propri compagni di squadra guidandoli nella vittoria sui francesi. Quarta vittoria in quattro partite e adesso il nostro Settebello vola in semifinale. Intanto siamo tra le prime 4!

La coppia Cannella – Presciutti festeggia il gol che affossa definitivamente la Francia di Bruzzo

La vigilia del match

Chi si aspettava la Serbia ai quarti di questo europeo si sbagliava di grosso. Nessuno immaginava che la nazionale di coach Savic potesse inciampare nell’ostacolo francese. I blues francesi, con un cecchino irrefrenabile che porta il nome di Crousillat, hanno eliminato clamorosamente i balcanici, a pochi secondi dal termine. Il Settebello nel frattempo, dopo la prova VAR, perdeva un pezzo…Vincenzo Renzuto, reo della brutalità rilevata dall’occhio elettronico. Settebello in 12 nei prossimi due turni (uno già scontato oggi ndr).

La partita

ITALIA-FRANCIA 16-8 (2:3, 5:2, 4:1, 5:2)   

Italia: Del Lungo, F. Di Fulvio 4, Damonte 1, Alesiani 1, Fondelli 0, Cannella 3, Marziali 1, N. Presciutti 2, Bruni, E. Di Somma 1, Dolce 3, Nicosia. All. Campagna – Francia: Dubois, Saudadier, Crousillat 1, Bouet 1, Khasz, T. Vernoux 3, Marion-Vernoux 1, Bjorch, Marzouki 1, Canonne, Vanpeperstraete 1, De Nardi, Fontani. All. Bruzzo

Coach Campagna si affida ai 12 veterani visti nelle ultime partite, con la sola variante di Nicosia schierato titolare a difesa della porta azzurra. La Francia parte concentratissima e, forte dell’euforica vittoria contro la Serbia, mette sotto il Settebello nei primi minuti di gioco. I francesi brillano con le loro “solite” stelle, Thomas Vernoux e Crousillat. Il Settebello, però, replica con Damonte e Cannella (penalty). Finisce il primo parziale ed il Settebello è sotto di una rete (2-3). Il secondo parziale si apre con il pareggio di Di Fulvio ma la Francia pressa efficacemente e mette a segno una doppietta con Marion Vernoux e Vanpeperstraete con i francesi che salgono a +2.La partita si infiamma e Bruni ne subisce le conseguenze venendo espulso definitivamente dalla coppia arbitrale. Il binomio Di Somma – Di Fulvio funziona alla perfezione e la loro doppietta porta al pari gli azzurri. Nei minuti seguenti gli azzurri sfruttano le due superiorità numeriche concesse dai francesi realizzando con Cannella e Dolce. Al cambio vasca si va sul 7 a 5 per il Settebello.

Jacopo Alesiani prova a stoppare il tiro di Marzouki

Nel terzo e quarto parziale il Settebello ha il dominio completo della partita. A sprazzi la Francia cerca di reagire ma gli azzurri sono subito pronti a ristabilire le distanze. Di Fulvio sale in cattedra mettendo a segno una doppietta, Alesiani e Dolce incrementano il vantaggio azzurro. Per i francesi segna ancora Thomas Vernoux in superiorità numerica. Il terzo parziale si chiude con il risultato di 11 a 6 per l’Italia. Nel quarto parziale l’Italia non si ferma e colpisce ancora. C’è il tempo per la doppietta di Presciutti ed i gol di Marziali, Dolce e Cannella che sugellano il poker di vittorie per il Settebello. Niente da fare per i francesi che lotteranno adesso per il 5° posto. Gli avversari degli azzurri saranno con molta probabilità i padroni di casa della Croazia (la partita è in corso nda).

Gianmarco Nicosia esulta al gol degli azzurri

Il calendario delle prossime partite è disponibile sul sito LEN

Gaetano Nardone

Sono laureato in relazioni internazionali e trasformazione dei conflitti. Dai racconti delle persone vulnerabili nasce la mia passione per la scrittura. Mi occupo da anni di migrazione ed integrazione e di Balcani dove da volontario mi sono occupato di scrittura e redazione di articoli e reportage sul campo. Lo sport, particolarmente quello di squadra, è stato sempre al centro dei miei interessi e studi, inteso come strumento di aggregazione, integrazione ed inclusione sociale.