World League: quali sono le ambizioni della prima sfidante del Settebello.

Sarà il primo evento internazionale di questo inizio 2021. Nella bolla di Debrecen prenderà il via, dall’8 al 10 gennaio, la World League di pallanuoto. Il Settebello di Sandro Campagna scenderà in acqua contro i padroni di casa dell’Ungheria guidati da Tamás Märcz. Una gara da dentro o fuori se si vuole accedere alla Super final in programma, dal 26 giugno al 2 luglio, a Tbilisi in Georgia.

La nazionale ungherese di pallanuoto
La nazionale ungherese di pallanuoto

Tamás Sedlmayer, 26 anni del Ferencváros, medaglia d’argento ai Mondiali Juniores del 2014, ci ha confidato speranze ed ambizioni della nazionale magiara campione d’Europa in carica.

Arriviamo a questa manifestazione con una buona preparazione atletica. In Ungheria non ci sono state interruzioni nella prima parte della stagione. Ci siamo allenati con costanza sia con i club di appartenenza che con la nazionale. Sempre nel rispetto delle regole e dei protocolli sanitari. Non c’è dubbio che siamo tra le squadre favorite e giocare in casa è per noi un vantaggio importante. Siamo i detentori del titolo europeo ma giocheremo, comunque, contro le migliori nazionali d’Europa.

Tamás Sedlmayer
Tamás Sedlmayer

Affrontiamo la World League con l’ambizione di vincere più partite possibili nonostante l’assenza pesante di Denes Varga, uno dei migliori giocatori al mondo. È un giocatore difficile da sostituire ma adesso tocca ai miei compagni dimostrare che possono far bene in quella posizione. Riguardo al futuro, siamo al momento concentrati sulla World League ma indubbiamente stiamo già pensando a quello che sarà l’evento più importante dell’anno: le Olimpiadi di Tokyo. Andremo lì con il desiderio di vincere un altro oro olimpico, nella pallanuoto, per il nostro Paese.

Tamás Sedlmayer
Tamás Sedlmayer

Le ambizioni di Tamás non si limitano, però, solo alle possibili future vittorie con la sua nazionale. È con il Ferencváros, suo club di appartenenza, che il giocatore magiaro sogna di cogliere obiettivi altrettanto importanti.

Siamo l’unica squadra ungherese in Champions League e vogliamo arrivare in finale per mantenere il titolo di campioni d’Europa. Abbiamo recentemente vinto la decima Coppa d’Ungheria (ai rigori contro lo Szolnok nda) e vorremmo ripeterci anche in campionato.

Tamás Sedlmayer

Gaetano Nardone

Sono laureato in relazioni internazionali e trasformazione dei conflitti. Dai racconti delle persone vulnerabili nasce la mia passione per la scrittura. Mi occupo da anni di migrazione ed integrazione e di Balcani dove da volontario mi sono occupato di scrittura e redazione di articoli e reportage sul campo. Lo sport, particolarmente quello di squadra, è stato sempre al centro dei miei interessi e studi, inteso come strumento di aggregazione, integrazione ed inclusione sociale.