Crea sito

SIS Roma, Sofia Giustini: è il momento di dimostrare quanto valiamo.

Primo esame importante di stagione per la formazione della SIS Roma. Dopo il pari interno in Len Euro League contro il Dunaujvaros, oggi l’attesa del match a Budapest, alle 17:30, per la conquista delle semifinali. Per farci raccontare il momento e le sensazioni del pre partita, abbiamo sentito Sofia Giustini. Giovanissima, classe 2003, l’attaccante ligure è riuscita a diventare un punto fermo della SIS Roma e del Setterosa. Ponendo le basi ad un futuro che la vedrà come una delle atlete di punta nella pallanuoto femminile.

Sofia Giustini (SIS Roma)
Sofia Giustini (SIS Roma)

Da quando sono arrivata alla Sis, a settembre dello scorso anno, ci siamo allenate per questo tipo di emozioni. Sono cose, a parer mio, diverse dal campionato italiano. Io non le avevo mai provate prima. Se finora le potevo solo sognare adesso le sto vivendo. E’ questo il momento di dimostrare quanto valiamo. Abbiamo già affrontato questa squadra e conosciamo i loro punti di forza. Scenderemo in acqua cercando di non commettere gli errori fatti all’andata. Abbiamo una doppia responsabilità, siamo l’unica squadra a rappresentare l’Italia. E questo ci fa onore. Siamo un gruppo fantastico, siamo l’una per l’altra, compreso il nostro allenatore. Non vedo l’ora di giocare questo match.

Sofia Giustini (seduta a bordo piscina) e tutta la squadra della SIS Roma
Sofia Giustini (seduta a bordo piscina) e tutta la squadra della SIS Roma

Marco Capanna ci conosce a memoria. Anche io, che sono una new entry, non ho segreti per lui. É un tipo allenatore che finora non avevo mai incontrato da nessun’altra parte. Anche se sono, ancora, molto giovane. Marco è un allenatore che auguro possa incontrare ogni atleta. Ha un cuore enorme e si dà completamente per farci provare queste grandi emozioni.

Sofia Giustini con il tecnico Marco Capanna (SIS Roma)
Sofia Giustini con il tecnico Marco Capanna (SIS Roma)

Carlo Silipo lo conoscevo per fama. Sono entusiasta per questa nuova avventura. Lavorerò ogni giorno, sempre di più, per questo nuovo Setterosa. Mi dispiace per l’ex cittí, Paolo zizza, perché mi ha cresciuta dalle giovanili fino alla nazionale maggiore. Con lui abbiamo condiviso momenti che non dimenticherò mai e lo ringrazierò sempre. Ma ora sono pronta a dare il massimo e contribuire a questo nuovo corso.

Sofia Giustini
error: Content is protected !!