Pallanuoto A1F: la SIS Roma batte il Plebiscito ed è prima in classifica.

Nella settima giornata del campionato di pallanuoto di A1 femminile lo scontro di vertice fra la SIS Roma e il Plebiscito incorona le capitoline prime in classifica. Al termine di una partita avvincente, sono le ragazze di Marco Capanna a spuntarla per una sola misura, 7-6. Occasioni ed errori da entrambe le parti ma partita sostanzialmente equilibrata. Anche se la vittoria finale delle romane non è stata mai in discussione. Soprattutto dopo la partenza a razzo, che ha stordito il Padova con un rotondo 4-0. Tutto nel giro dei primi sette minuti di gara.

La SIS Roma schierata prima dell'incontro (Foto Claudio Bosco)
La SIS Roma schierata prima dell’incontro (Foto Claudio Bosco)

Silvia Avegno con una doppietta (prima realizzazione su rigore) e Sofia Giustini aprivano le marcature, poi Domitilla Picozzi firmava il quattro a zero. Il Plebiscito Padova si risvegliava dall’incantesimo e provava a rientrare in partita con una marcatura sul finire del tempo della Borisova. Nel secondo tempo tentava la rimonta ma Chiara Ranalli prima e Agnese Cocchiere ne frenavano la rincorsa. Il quarto tempo iniziava sul 6-4 ed il Plebiscito Padova spingeva sull’acceleratore. La capitana della SIS Domitilla Picozzi riportava il vantaggio a più tre e metteva al sicuro i tre punti che valevano il sorpasso. Finale delle venete che solo a pochi secondi dalla fine su rigore arrivavano a meno uno, ma la partita era già finita.

Il Plebiscito Padova (Foto Claudio Bosco)
Il Plebiscito Padova (Foto Claudio Bosco)

Da stasera la SIS Roma è in testa alla classifica della regular season. E si prepara per la trasferta ad Atene per il secondo step di Coppa dei Campioni. Inizio con i padroni di casa dell’Ethnikos e poi l’Olympiacos. L’attende un fine settimana da far venire i brividi.

Marco Capanna coach della SIS Roma (Foto Claudio Bosco)
Marco Capanna coach della SIS Roma (Foto Claudio Bosco)

“Da questa sera iniziamo a pensare alla trasferta ad Atene. – afferma il coach della SIS Marco Capanna. Adesso ci godiamo questa vittoria al termine di una partita di alto livello tra due squadre di caratura europea. E’ stato un grande match, un confronto a viso aperto tra due grandi squadre che si sono sfidate su un piano sia fisico che tattico. Il primo tempo ci ha dato fiducia e convinzione. Poi piano piano il Padova è venuto fuori, favorito anche da qualche errore di troppo. Soprattutto nel leggere meglio la tattica da adottare per aggirare la barriera difensiva eretta dalle venete. Il risultato però non è mai stato in gioco. Eravamo avanti di tre gol ancora a sei minuti dalla fine, la squadra ha dimostrato grande cuore e maturità”.

Uno scontro nella gara di oggi fra Sara Centanni (Plebiscito Padova) e Silvia Avegno (SIS Roma) (Foto Claudio Bosco)
Uno scontro nella gara di oggi fra Sara Centanni (Plebiscito Padova) e Silvia Avegno (SIS Roma) (Foto Claudio Bosco)

La SIS Roma gira pagina e si tuffa in Coppa dei Campioni. Oggi ha esordito la canadese La Roche, la cui presenza si è vista soprattutto in difesa. Dove anche la Eichelberger, l’americanina volante, ha fatto vedere il suo valore con alcune parate determinanti. “Shae Chantal La Roche è un’atleta esperta e di assoluto livello internazionale – ha detto Capanna. Mi ha chiesto di giocare ugualmente anche se era dalle Olimpiadi che non scendeva in acqua. Ha bisogno di giocare per tornare ai massimi livelli, ma già così ci ha dato spessore e capacità di manovra. Anche lei, che conoscevamo già, ha dimostrato di avere l’anima e la voglia di questa squadra”.

Giovedì partenza per Atene e venerdì inizio del girone di qualificazione alla fase finale della Coppa Len, la Coppa dei Campioni della pallanuoto.

Le foto sono di Claudio Bosco per MFSport.

Filippo Sicali

Laureato in Economia e Commercio, esperto di marketing e fotografia, ho cercato di coniugare la conoscenza della composizione dell'immagine con i moderni linguaggi digitali. Co-founder nel 2019 del progetto MFSport.net, con una linea editoriale snella ma completa, che basa sull'immagine la forza comunicativa.