Ortigia in modalità diesel: regala un tempo alla Roma, poi parte la festa.

Un altro successo per la formazione biancoverde che, dopo quella di mercoledì, ottiene un’altra fondamentale vittoria. Un’Ortigia in modalità diesel, prima regala un tempo alla formazione di Tafuro poi prende in mano la partita e vince 14 a 6 meritatamente. Tre punti per la squadra di Piccardo che la proiettano momentaneamente al primo posto in attesa del match di stasera tra Recco e Telimar.

Il tabellino

CC Ortigia – AS Roma Nuoto 14 – 6 (2-3; 3-1; 5-2; 4-0)

CC Ortigia: 1 Tempesti (K); 2 F.Cassia (3); 3 F. Condemi (1); 4 A. Condemi (1); 5 Klikovac (1); 6 Ferrero (1); 7 Di Luciano (3); 8 Gallo (1); 9 Giribaldi; 10 Rossi (2); 11 Vidovic (1); 12 L.Cassia; 13 Piccionetti. All. Piccardo.

As Roma: 1 De Michelis; 2 Ciotti (1), 3 Di Santo (1); 4 F.Faraglia (2); 5 P.Faraglia (2); 6 Tartaro; 7 De Robertis; 8 Di Mario; 9 Boezi; 10 Calic; 11 Spione; 12 Graglia; 13 Maizzani. All. Tafuro.

coppa len
Il tecnico del Circolo Canottieri Ortigia, Stefano Piccardo, con due giovanissimi protagonisti della squadra: Ciccio Cassia e Ciccio Condemi.

Il match della “Paolo Caldarella”

Vittoria n.8 per l’Ortigia in campionato che quest’oggi alla piscina Paolo Caldarella batte, seppur con qualche difficoltà iniziale, una volenterosa Roma Nuoto. La squadra biancoverde è scesa in vasca ancora senza l’attaccante Mirarchi e del capitano Napolitano che dovrebbero recuperare per l’importante trasferta di Palermo. In evidenza tra le fila biancoverdi Ciccio Cassia e Seby Di Luciano che, oltre alla tripletta personale, hanno giganteggiato nei momenti clou del match. Ottima anche la prova dei fratelli Condemi ed in particolare di Andrea autore di un gol e di un’ottima prova in fase difensiva nella marcatura del nazionale Spione. Nella giovanissima formazione capitolina si conferma in un buon momento il portiere De Michelis, oltre all’altro duo Francesco e Pietro Faraglia (in vasca oggi ben 3 coppie di fratelli) autori di una doppietta a testa. Il tutto sotto lo sguardo attento del ct del Settebello Sandro Campagna presente in tribuna.

Filippo Ferrero
Filippo Ferrero

Ortigia in modalità diesel nel primo parziale. Va in vantaggio con Gallo su rigore conquistato da Klikovac. Il pari arriva con un bellissimo tiro di Francesco Faraglia che fulmina Tempesti. Ortigia ancora avanti su rigore siglato impeccabilmente da Francesco Condemi per il 2 a1. I biancoverdi si appisolano un pò e si fanno rimontare e superare dagli ospiti. Ciotti pareggia i conti e ancora uno strepitoso Francesco Faraglia “buca” la porta biancoverde sugellando sul 3 a 2 il 1° parziale. Secondo tempo arrembante per la formazione di Piccardo . Klikovac sigla il 3 pari in superiorità numerica. Da questo momento in poi è Di Luciano show. Al minuto 4.00 il numero 7 biancoverde si invola e con un tiro potente trafigge De Michelis. La Roma pareggia in superiorità con Pietro Faraglia a 4’20” dalla fine. Vidovic segna il 5 a 4 chiudendo il parziale.

Ciccio Cassia

Il terzo parziale vede i giovani dell’Ortigia sovrastare quelli della Roma. Si scatenano Ciccio Cassia, Ferrero e i fratelli Condemi insieme al veterano Di luciano facendo salire di giri il motore della macchina Ortigia. I giovani della Roma Nuoto si spengono pian piano. L’offensiva capitolina è affidata ai soli fratelli Faraglia, quella difensiva agli ottimi interventi di De Michelis. Il quarto parziale è un disastro per la squadra di Tafuro che incassa altri 4 gol con la doppietta di Simone Rossi (una su rigore) Cassia e Di Luciano. Per l’Ortigia una buona vittoria in vista del derby di sabato prossimo a Palermo contro il Telimar. Per la Roma arriva la Lazio in un delicato derby che vale la stagione.

Tabellini e classifiche consultabili sul sito della FIN.

Gaetano Nardone

Sono laureato in relazioni internazionali e trasformazione dei conflitti. Dai racconti delle persone vulnerabili nasce la mia passione per la scrittura. Mi occupo da anni di migrazione ed integrazione e di Balcani dove da volontario mi sono occupato di scrittura e redazione di articoli e reportage sul campo. Lo sport, particolarmente quello di squadra, è stato sempre al centro dei miei interessi e studi, inteso come strumento di aggregazione, integrazione ed inclusione sociale.