Crea sito

Finale scudetto, gara 3: Brescia vince ai rigori sul Recco per 15-13.

Un grande Brescia, trascinato da Vincenzo Renzuto e Christian Presciutti, vince la terza gara scudetto contro il Recco, chiudendo ai rigori sul 15-13. Una partita in cui gli uomini di Alessandro Bovo sono partiti subito forte mentra il Recco è apparsa molto più lenta del solito. E tutto questo ha portato subito i lombardi sul +2 con una doppietta di uno strepitoso Vincenzo Renzuto. Che fa subito vedere di avere il braccio caldo per la serata. Sul finale è Francesco Di Fulvio a portare la propria squadra a chiudere il tempo sul 2-1. Grande equilibrio nella seconda frazione con botta e risposta delle due formazioni. Allunga per prima il Brescia ancora con Renzuto a cui risponde il Recco con Younger. Ancora botta e risposta sul finale con capitan Presciutti che allunga sul 4-2 a cui rispondono ancora i liguri con Luongo per il 4-3 che chiude la frazione.

scudetto brescia recco
Francesco Di Fulvio (Pro Recco)

La trama del match non cambia nel terzo tempo: Renzuto, in superiorità, segna il quarto gol dei suoi dopo un minuto e trenta secondi. Trascorrono 60 secondi ed Echenique, con Di Somma nel pozzetto, non dà scampo a Del Lungo bucandolo da posizione centrale. A metà tempo ecco il pareggio: lo segna Aicardi, ancora con Di Somma nel pozzetto, servito magistralmente da Nicholas Presciutti (5-5). Dall’altra parte del campo è il fratello Christian, in superiorità, a riportare i suoi in vantaggio. Difese meno attente a Mompiano, si segna da una parte e dall’altra: l’alzo e tiro di Di Fulvio si spegne sotto l’incrocio (6-6). È un costante inseguimento quello della Pro Recco, Echenique da posizione 2 annulla il rigore vincente di Vlachopoulos, Ivovic dai 7 metri il nuovo vantaggio di Christian Presciutti: agli ultimi otto minuti si va sull’8-8.

Sandro Bovo coach AN Brescia
Sandro Bovo coach AN Brescia

La Pro Recco perde subito Aicardi, espulso da Gomez insieme a Gitto dopo un minuto di gioco. E’ Renzuto, in superiorità, a rimettere il Brescia davanti. Risponde Di Fulvio che non perdona da posizione centrale (9-9). Il primo vantaggio della Pro Recco arriva a poco meno di cinque dal termine e lo mette a segno Echenique in superiorità. Il Brescia però trova il pareggio con il secondo rigore di giornata trasformato da Vlachopoulos (10-10). Del Lungo stoppa Mandic, mentre Renzuto – sei gol per lui – non sbaglia davanti a Bijac a 52 secondi dalla sirena. Le emozioni però non sono finite, perché Di Fulvio – quarta rete – trasforma la superiorità a 15 secondi dal termine e manda le squadre ai rigori. Nella Pro Recco sbagliano Echenique e Figlioli: gara 3 è del Brescia. Domani si torna in vasca alle 18:30 (Rai Sport). I commenti dei protagonisti Vincenzo Renzuto e Christian Pressciutti.

pallanuoto scudetto
Vincenzo Renzuto (AN Brescia)

Abbiamo fatto una grande partita di gara. Rispetto all’ultima partita abbiamo migliorato tanto l’uomo in più, che c’era mancato. Ora festeggeremo per 10 minuti e poi abbiamo 24 ore per prepararci al primo match point. Quello che ci siamo detti prima dell’inizio della gara è che era fondamentale mantenersi sempre attaccati alla partita e cercare lo spunto finale. E così è stato. Anche se sarà difficile essere domani ancora al 100% ma occorre giocare la partita giusta. Noi non abbiamo nulla da perdere, la grande favorita resta la Pro Recco. Vincenzo Renzuto

scudetto brescia recco
Christian Presciutti capitano dell’An Brescia

Non ci scordiamo che stiamo giocando contro una grandissima squadra ed essere a due vittorie è già un risultato eccezionale. Noi siamo abituati a lottare perché nessuno ti regala niente. E chi viene a Brescia deve avere questa mentalità. Dobbiamo recuperare le forze perché è stata una partita tosta. Ma è una finale e dobbiamo giocarcela al massimo per portarci il risultato a casa. Avevamo rivisto gara 2 e ci siamo accorti che nella seconda parte non abbiamo giocato. Oggi abbiamo fatto una grande partita. Christian Presciutti

Tutti gli articoli di A1 Maschile

error: Content is protected !!