Crea sito

Pallanuoto A1 maschile: l’Ortigia brinda alla “prima” in élite trascinata da un super Giacoppo. E adesso sotto con la Champions.

Esordio vincente e convincente per l’Ortigia di Piccardo che, alla “prima” del girone d’élite, guadagna i primi tre punti della seconda fase. Il risultato di 13 a 5 per l’Ortigia, racconta di una vittoria larga nel punteggio, contro un buon avversario ma di livello inferiore ai siracusani. Nonostante la pesante sconfitta, però, il sette campano ha destato, comunque, una buona impressione. Chi conosce l’allenatore Citro, infatti, sa bene che, nonostante la preziosa salvezza conquistata in anticipo, i suoi ragazzi non saranno disposti a regalare punti agli avversari senza lottare.

La forza e la concentrazione del gruppo biancoverde sin dalle prime battute di gioco.

La squadra aretusea voleva riscattars,i dopo la brutta sconfitta incassata contro il Telimar. L’Ortigia è entrata in acqua determinata, concentrata e grintosa sin dall’inizio. Con Giacoppo tirato a lucido, la squadra aretusea è stata efficace sia in fase difensiva che offensiva (50% dell’uomo in più realizzato), che non ha lasciato scampo al Salerno. La squadra di Citro non si è disunita, nonostante il pesante passivo maturato (6 a 1 a metà incontro), lottando per l’intero incontro. Ci ha provato la squadra salernitana, provando a rendere difficile questa vittoria all’Ortigia, ma ha sbattuto contro il muro eretto dai siracusani. Non sono bastate, ai salernitani, le parate di Santini e le incursioni offensive di Luongo e Cuccovillo. La squadra di Citro ha avuto tante superiorità numeriche a favore, molte delle quali fallite grazie all’ottima tenuta difensiva dei giocatori locali, bravi nel disinnescarle.

Il salernitano Cuccovillo si complimenta con l’avversario Giacoppo autore di una rete da cineteca.

Come già accennato, questo gruppo aveva bisogno di rispondere alle accuse ricevute dopo la sconfitta interna nel derby. La squadra ha, però, nuovamente dimostrato, di essere unita e coesa anche di fronte a queste critiche ingiuste. E contro i salernitani, ha ritrovato il suo capitano che, proprio contro il Palermo, era apparso un po’ appannato. In vasca capitan Giacoppo (per lui 5 gol, di cui un paio da cineteca), è stato il migliore in campo e ha condotto la squadra verso la vittoria, fondamentale per cominciare bene la nuova fase. Una prestazione talmente importante, la sua, da ricevere i complimenti, ancora a match in corso, da parte dell’avversario (Cuccovillo nda).

Francesco “Ciccio” Condemi autore di una splendida doppietta nel match contro la Rari Nantes Salerno.

Nella partita contro la Rari Nantes Salerno, tutto il gruppo è stato supportato dai suoi uomini più rappresentativi (Tempesti, Giacoppo e Gallo). Grazie ai loro consigli e agli allenamenti quotidiani, i giovani stanno diventando sempre più decisivi. La splendida controfuga di Ciccio Condemi ne è la prova. L’azione che porta al gol del momentaneo 7 a 1 è da vero manuale. Con il diciassettenne che, in controfuga, ribalta l’azione di superiorità dei campani e fredda con facilità l’esperto portiere Santini.

Per Cristiano Mirarchi tre reti segnate e una prestazione a tutto campo da incorniciare.

Non possiamo non citare ,infine, le ottime prestazioni offerte da Mirarchi e Vidovic. Il romano, sarà fondamentale per l’Ortigia in versione europea. Il montenegrino, rinfrancato dall’oro recentemente conquistato a Rotterdam, è tornato ad orchestrare la squadra come solo lui sa fare.

Gaetano Nardone

Gaetano Nardone

Sono laureato in relazioni internazionali e trasformazione dei conflitti. Dai racconti delle persone vulnerabili nasce la mia passione per la scrittura. Mi occupo da anni di migrazione ed integrazione e di Balcani dove da volontario mi sono occupato di scrittura e redazione di articoli e reportage sul campo. Lo sport, particolarmente quello di squadra, è stato sempre al centro dei miei interessi e studi, inteso come strumento di aggregazione, integrazione ed inclusione sociale.

error: Content is protected !!