Crea sito

Coppa Italia: il Brescia si impone sull’Ortigia e approda in finale.

La seconda semifinale di Coppa Italia si chiude con un’ampia Vittoria del Brescia sul CC Ortigia per 17-8 che conquista l’ennesima finale contro Recco. Una partita senza storia con un 7-2 nel primo quarto con cui i lombardi hanno ipotecato la vittoria finale. Un’Ortigia molto green non solo nei colori. Orfani del capitano Massimo Giacoppo, ancora infortunato, l’Ortigia del duo Martino Abela e Goran Volarevic, che sostituivano in panchina Stefano Piccardo, ha schierato 5 giovanissimi. Che hanno dato prova della grande crescita che li ha contraddistinti offrendo un’ottima prova contro una squadra piena di campioni. Coronata dai gol di entrambi i fratelli Condemi e di Filippo Ferrero. Ora testa e cuore alla partita di domani in cui il Circolo si giocherà la terza posizione nella finalina contro il Telimar. Le parole del tecnico dei Bresciani Alessandro Bovo.

coppa italia ortigia
Valentino Gallo (CC Ortigia)

Noi quest’anno abbiamo allestito una buona squadra e vogliamo provare a vincerla. Sono due anni in cui queste emozioni mancano. Noi viviamo per questo, per l’adrenalina in campo. Abbiamo iniziato la partita con l’Ortigia forte, facendo pressing. E si è subito incanalata bene. Domani ci sarà il Recco che negli ultimi 15 anni l’ha vinta 14 volte. E’ la squadra da battere negli ultimi vent’anni ma noi ce l’andiamo a giocare. Recco non ha punti deboli è abbondantemente coperta in tutti i ruoli. Noi dobbiamo fare il nostro gioco e cercare di arrivare alla vittoria. Non abbiamo mai giocato con sudditanza e, negli anni scorsi, anche con mezzi inferiori, ci abbiamo sempre provato a vincerla. Non abbiamo avuto quest’anno molti allenamenti per i vari problemi di covid. Ma abbiamo molta voglia di arrivare. Speriamo di vedere una bella partita, equilibrata. E poi vinca la migliore.

Stefano Tempesti (CC Ortigia)
Stefano Tempesti (CC Ortigia)

Le parole di Martino Abela, oggi tecnico dell’Ortigia: “C’è stata l’incertezza, fino alla fine, di poter disputare questa Final Four. Siamo stati felicissimi di poter onorare questo l’impegno. Anche senza Stefano Piccardo che è stato con noi con le sue direttive. Il Brescia che abbiamo affrontato è una grande squadre e noi che siamo stati presi in contropiede. Speriamo che ci serva per domani. Oggi abbiamo avuto in squadra tanti ragazzi del vivaio. Hanno avuto un grande ruolo in questa stagione e in questa partita. Rappresentano iI risultato di tanti anni di lavoro del club. Loro sono la cosa più importante perché rappresentano le basi e il futuro della squadra.”

Filippo Sicali

Filippo Sicali

Laureato in Economia e Commercio, esperto di marketing e fotografia, ho cercato di coniugare la conoscenza della composizione dell'immagine con i moderni linguaggi digitali. Co-founder nel 2019 del progetto MFSport.net, con una linea editoriale snella ma completa, che basa sull'immagine la forza comunicativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Content is protected !!