Crea sito

Champions, Olympiacos vs Ortigia, Kapotsis: gli ingredienti per raggiungere la Final – Eight.

Deluse e arrabbiate ma con la voglia di riscattarsi subito. Questo lo stato d’animo di Ortigia e Olympiacos, reduci da due cocenti sconfitte, nelle prime giornate di Champions League. Dopo la bella prova contro lo Jug Dubrovnik, quella contro lo Spandau 04 è stata una partita strana, che non è andata come Piccardo e la squadra l’avevano preparata. Una sconfitta che ci può stare anche perché lo Spandau, visto contro Marsiglia e Ortigia, è stato tutt’altra cosa rispetto a quanto fatto vedere a Dicembre. L’Olympiacos, dopo la sconfitta all’esordio contro la corazzata Recco, ingoia un altro boccone amaro perdendo, dopo un match molto combattuto, contro il Marsiglia. Nonostante la grande intensità messa in acqua dalla squadra di capitan Mourikis, i francesi sono riusciti ad aggiudicarsi la vittoria, abbandonando l’ultima posizione e scavalcando in classifica proprio l’Ortigia.

Tra i protagonisti di questa Champions c’è Marios Kapotis, il numero 10 della squadra greca, recente medaglia d’argento con la sua nazionale nel Preolimpico di Rotterdam. Autore fin qui di ottime prestazioni, condite da 7 reti (di cui una proprio contro i siracusani nella partita d’andata) in questo torneo.

La carica di Marios Kapotsis nel pre-gara contro la Pro Recco.

Veniamo dalle fatiche del Preolimpico con la nostra nazionale e abbiamo avuto poco tempo per preparare questa competizione. Quello che posso dire è che penseremo, passo dopo passo, ad ogni singola partita, cercando di ottenere la vittoria, l’unica cosa che conta. Gli ingredienti fondamentali per giocare al meglio una competizione importante, come la Champions, sono mantenere alta la concentrazione e sbagliare il meno possibile. Il nostro obiettivo è raggiungere la Final – Eight. Vogliamo fare delle belle prestazioni per raggiungere l’obiettivo che ci siamo prefissati all’inizio del torneo.

La squadra dell'Olympiacos
La squadra dell’Olympiacos

Quello che abbiamo fatto nella prima parte della competizione appartiene al passato. Abbiamo disputato delle buone partite contro Ortigia e Spandau ma in questo nuovo round i pronostici si sono ribaltati. In ogni partita può succedere di tutto, non ci sono risultati scontati. Noi daremo, come sempre, il massimo per giocare e vincere ogni partita.

Marios Kapotsis duella in acqua contro l’attaccante del Recco e della nazionale italiana Francesco Di Fulvio.

Quella contro l’Ortigia non sarà una partita dall’esito scontato. Già nella partita d’andata non è stato facile vincere contro la squadra siracusana e credo che non sarà facile neanche stavolta. Ho molto rispetto per l’Ortigia perché è una squadra che gioca con molta intensità e passione. Li ammiro tanto perché non si arrendono mai e danno il massimo fino alla fine.

Marios Kapotsis, il numero 10 dell’Olympiacos.

Come tutti ho un sogno nel cassetto. A livello sportivo, non avrei dubbi. Sarebbe bellissimo se riuscissimo a vincere una medaglia alle prossime Olimpiadi di Tokyo. Poi, ci sono i sogni a livello personale, quelli intimi, che spero di realizzare coniugando la vita sportiva con quella privata. Costruire una bella famiglia e avere successo nella mia vita professionale, è qualcosa che vorrei realizzare nel prossimo futuro.

Marios Kapotsis

Gaetano Nardone

Gaetano Nardone

Sono laureato in relazioni internazionali e trasformazione dei conflitti. Dai racconti delle persone vulnerabili nasce la mia passione per la scrittura. Mi occupo da anni di migrazione ed integrazione e di Balcani dove da volontario mi sono occupato di scrittura e redazione di articoli e reportage sul campo. Lo sport, particolarmente quello di squadra, è stato sempre al centro dei miei interessi e studi, inteso come strumento di aggregazione, integrazione ed inclusione sociale.

error: Content is protected !!