Crea sito

CC Ortigia, Stefano Piccardo: passare contro le napoletane non sarà facile.

Manca solo una settimana alla ripartenza delle competizioni di pallanuoto, con la Coppa Italia maschile in programma il 19 e 20 settembre. Quattro i gironi in cui passeranno le prime due che andranno al secondo turno in calendario la settimana successiva. Difficile compito attende il Circolo Canottieri Ortigia che, in terra campana, dovrà affrontare le due padrone di casa del Posillipo e del Salerno. L’esordio, al primo giorno, con la squadra napoletana è fissato alle ore 19. Il condottiero degli aretusi, Stefano Piccardo, traccia lo stato di salute e le prime sensazioni sulla squadra.

Stefano Piccardo con Giuseppe Cassia e Goran Volarevic
Stefano Piccardo con Giuseppe Cassia e Goran Volarevic

I ragazzi li ho trovati bene. Abbiamo lavorato fino a metà luglio e poi abbiamo interrotto per un mese. Questo vuol dire che si sono tenuti nell’alimentazione e nella forma fisica. L’impegno in Coppa Italia è difficile, abbiamo un girone impegnativo. Il Posillipo si è rinforzato notevolmente rispetto all’anno scorso. E il Salerno ha migliorato il roster, prendendo anche un centro di qualità. In più giocheremo a casa loro. Sono le prime partite dopo 6 mesi, un impegno assolutamente importante. Passare il primo turno sarà un bel lavoro: ricominciare fuori casa, contro le napoletane, non sarà un impegno facile.

Stefano Piccardo in allenamento con il CC Ortigia
Stefano Piccardo in allenamento con il CC Ortigia

Alcuni meccanismi devono essere migliorati, dobbiamo guadagnare profondità nel ruolo dei terzini. Dovremmo cercare di recuperare con quelli che abbiamo a disposizione ed adattare qualcuno a questo ruolo, soprattutto nei giovani. Abbiamo questo gruppo di cinque, sei ragazzi che si stanno allenando molto bene, stanno spingendo, sono un motivo trainante per tutta la squadra ed hanno molta voglia di migliorarsi. In avanti, con gli acquisti che abbiamo fatto, avremo più varietà di gioco.

Francesco Condemi
Francesco Condemi

Goran Volarevic è stato un acquisto molto importante da parte della società. Una persona splendida dal punto di vista umano e molto competente in materia. Sarà, sicuramente, di grande aiuto nella costruzione della squadra. E’ presente agli allenamenti il nuovo terzo portiere, Francesco D’Abbondio, per tutti Gabor. Un ragazzo, classe 2003, che quando nasceva Stefano Tempesti già giocava, se non erro, la Coppa delle Coppe. Stefano, oltre ad essere un atleta di livello mondiale, è una persona che attrae e tutti vogliono allenarsi con lui.

Francesco D'abbondio con Stefano Tempesti
Francesco D’abbondio con Stefano Tempesti

Il campionato che mi aspetto? Nelle prime due posizioni ci sarà una vera e propria lotta tra Recco e Brescia che, quest’anno, ha un livello stratosferico. Dal terzo al settimo posto sarà un campionato molto equilibrato, in cui ci saranno Savona, Trieste, quest’ultima forse un gradino più alto Ortigia, e, secondo me, si unirà il Telimar. In Europa faremo il girone di qualificazione alla Champions che sarà molto difficile. Ci sono le squadre ungheresi carrozzate in maniera diversa da noi. Il nostro grande obiettivo è la Len Cup. Giocarla quest’anno sarà ancora più difficile. Ma cercheremo di fare sempre il meglio possibile.

Stefano Piccardo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Content is protected !!